Pubblicato il

Studiamo il dondolio dei dondoli

Dondolio Dondolo

L’altra sera sono uscito a cena con la mia ragazza. Sono le vacanze invernali, il Natale è passato così come il capodanno, e finalmente abbiamo un po’ di giorni liberi per poter stare da soli senza che parenti ed amici si impiccino. E anche senza lo stress lavorativo.
Siamo andati a mangiare in un ristorante un po’ fuori città, rinomato per la buona cucina ma anche per la scomodità per arrivare sul posto. Nonostante sia affacciato ad una strada, nel complesso si trova in piena campagna.

Ha un’ampio spazio per il parcheggio delle auto da un lato, così come un’ampio giardino con varie costruzioni per bambini dall’altro. Rispetto all’ultima volta in cui ho visitato il ristorante, però, non ho potuto fare a meno di notare che nel giardino c’era una nuova costruzione, e cioè un dondolo da giardino. Erano un dondolo normalissimo, di quelli probabilmente acquistati sui negozi online appositi. Anzi, a dirla tutta sembrava uno dei dondolidagiardino.net recensiti in questo sito.

Fatto sta che non ho potuto fare a meno che ritornare bambino, alla visione di quella struttura. Mi ricordo di quando ero all’asilo. Avevamo un giardino simile, e c’era proprio un dondolo. Ora che ci ripenso, c’era una fila per dondolarsi cinque secondi che nemmeno per la pensione alle poste. Ripensandoci adesso mi vien da ridere, ma all’epoca pensavo davvero che ne valesse la pena di aspettare così tanto a lungo.

COME DONDOLA IL DONDOLO

Prima, per i pochi che non dovessero saperlo, spieghiamo che cos’è. Il dondolo può essere una sedia, oppure più comunemente uno sdradio. Fino a qui ci siamo? Bene. Sedia e sdraio funzionano in modo molto diverso tra loro. Andiamo a spiegare più nel dettaglio il funzionamento di questi dondoli.

La Sedia.

La sedia a dondolo è una sedia generalmente in legno, dove però ha i piedi delle gambe estremamente curve, di circa più di cento gradi, ad occhio e croce. Per intenderci meglio, i piedi della sedia assomigliano a due skateboard. Ovviamente, il piede posteriore è collegato al piede anteriore dalla medesima stecca di legno. Appena ci si siede, il peso del corpo inizierà a far dondolare la sedia che, per via dei due skateboard, sarà in grado di oscillare incessantemente e senza sosta.

sedia a dondolo

Lo sdraio.

Dall’altro lato c’è lo sdraino, che dondola proprio come la sedia ma si basa su un principio differente. Un normalissimo sdraio viene collegato, tramite delle catene spesso in acciaio, ad una traversa situata sopra il dondolo. Proprio come se fosse un’altalena, per intenderci. Sedendosi, sarà poi compito della persona avviare il movimento oscillatorio del dondolo oppure semplicemente restare seduti come se fosse una semplice poltrona.

dondoli sdraio

Spero che con questa guida sia riuscito a chiarire come funzionano queste strutture, spesso sembra che il loro funzionamento sia banale ma come avete potuto vedere non è così, dietro c’è un funzionamente più elaborato di quel che si possa pensare.

Ah, e per i più ficcanaso… se volete sapere come è andata la cena, vi posso dire che è andata benissimo e che abbiamo mangiato molto bene. Un’altra cosa positivia è che non c’era molta gente perché, come ho già detto prima, il problema del ristorante è che è abbastanza scomodo da raggiungere. Ecco, adesso ho accontentato anche voi 😉 .
Alla prossima.

Lascia un commento