Pubblicato il

Da cosa sono formate le bistecchiere?

Di recente ho acquistato la mia prima bistecchiera: https://bistecchieraelettrica.net/, e da appassionato di informatica, tecnologia ed elettronica quale sono, ho cercato di capire come funzionasse questo incredibile strumento.

Chiariamo innanzitutto che una bistecchiera è uno strumento di cottura che può essere alimentato in differenti modi: Può essere, infatti, alimentata in modo elettrico (come la bistecchiera che ho acquistato io), a gas, a carbone oppure anche a legna.
Solitamente, la bistecchiera è realizzata principalmente a forma di tavolo.

LE GRIGLIE

Oltre alla forma da tavolo che assume la bistecchiera, ci sono le griglie.
Le griglie sono un po’ il motore di questo strumento, in quanto è grazie ad esse che si cuoce il cibo.
La maggior parte delle bistecchiere in commercio possiede le griglie realizzate in acciaio comune. Alcune, però, sono realizzate anche in acciaio inossidabile oppure da composti tra ferro e acciaio di varia durezza.
Le griglie di cottura sono spesse, solitamente, tra i 10 ed i 25 mm, per una lunghezza, in genere, sui 610 mm.
A volte le griglie possono anche essere cromate, spesso questo viene fatto dalle aziende produttrici per rendere il prodotto più appetibile dagli acquirenti. Questo ha delle conseguenze anche sul naturale rendimento di cottura, sia benefiche che negative.
Infatti, se la griglia risulterà cromata, la griglia trasmetterà meno calore a causa della bassa emissione della superfice. Vi allego, qua sotto, una immagine che possa spiegare meglio questo concetto.
La superfice delle griglie cromate, inoltre, può essere danneggiata durante la pulizia e attraverso l’uso diretto di oggetti da cucina come coltelli e forchette.

bistecchiera con griglia cromata e tradizionale

COME FUNZIONA LA TRASMISSIONE DEL CALORE

Ed eccoci alla parte più interessante del discorso, quella che vorrei approfondire maggiormente perché rientra nelle mie passioni.
A seconda della tipologia di griglia in uso (che, come abbiamo detto, può essere a gas, elettrica, ecc.) possono essere usati diversi termostati. Questi ultimi possono avere caratteristiche e prestazioni diverse, basandosi sui tipi di materiali cui è composta la bistecchiera.
Di solito, i termostati sono usati per regolare il calore della griglia. Questo perché i termostati sono molto sensibili lungo il loro raggio di azione.
Usando i termostati tuttavia c’è il rischio che questo abbassi le prestazioni generali, a causa della natura degli stessi. Infatti, i termostati sono collegati, attraverso un piccolo tubo capillare, a ciò che la gente comune definisce “bulbo”, il quale è tipicamente composto di olio.
Il liquido all’interno del bulbo, successivamente, reagisce a seconda delle “domande” che gli invia il termostato.
Di solito, le bistecchiere in commercio hanno un termostato per ogni 305 mm, ma a volte può capitare che questa fascia sia superiore: molto dipende, come abbiamo detto, dai materiali e dalle scelte del produttore.
Il riscaldamento potrebbe però avvenire anche in modi diversi, come ad esempio in maniera modulare, a stato solido oppure manuale.
Il riscaldamento a stato solito è abbastanza elementare. Insieme alla bistecchiera viene venduto un secondo componente, quello che in informatica viene comunemente definito “Alimentatore”, che non è altro che una scatola (cercando di spiegare la cosa nel modo più semplice possibile) che si occupa di gestire il calore attraverso i propri meccanismi.

Riscalamento bistecchiera a stato solido

Il riscaldamento attraverso termostati modulari sono un classico. Il riscaldamento modulare può essere trovato nelle bistecchiere più economiche in commercio, e si tratta di un meccanismo che consente di regolare la temperature senza aver necessariamente bisogno di utilizzare l’energia elettrica, poiché funziona principalmente in maniera meccanica, il che aiuta molto a far abbassare il prezzo finale del prodotto.

Riscaldamento modulare

Per concludere, il riscaldamento può anche essere manuale. Questo tipo di riscaldamento si può trovare nelle griglie a legna oppure a carbone. Come potrete intuire, senza dover approfondire il discorso, il calore viene regolato dall’intensità delle fiamme.