chi è l'allenatore della roma

[ad_1]

Paulo Alexandre Rodrigues Fonseca (Nampula, 5 marzo 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore portoghese, di ruolo difensore.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore giovane e preparato, sin dai primi anni della propria carriera ha adottato un 4-2-3-1 atipico, proponendo una difesa a 3 (sfruttando uno dei due mediani di centrocampo come difensore aggiunto) ed un salita simultanea dei due terzini in fase offensiva, ricorrendo al costante possesso palla ed alla difesa alta: questi schemi gli hanno fruttato molti successi allo Šachtar, dove poteva ricorrere ad interpreti quali Fred, Marlos e Taison.[1][2][3]

All’approdo alla Roma, Fonseca si dichiarò inizialmente pronto a riproporre i suoi già testati moduli calcistici[4], salvo poi adottare un 4-2-3-1 più equilibrato (rinunciando, ad esempio, alla salita di entrambi i terzini), proponendo progressivamente un 3-4-2-1.

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Mozambico quando era una colonia portoghese, si trasferisce da bambino in Portogallo.

Esordisce tra i professionisti nel 1991 con la Barreirense, restandovi fino al 1995. Viene quindi acquistato dal Porto, che lo gira in prestito a Leça, Belenenses e Marítimo. Nel 1998 viene acquistato dal Vitória Guimarães, dove resta per due stagioni senza trovare spazio.

Nel 2000 si trasferisce all’Estrela Amadora, club nel quale chiude la carriera cinque anni più tardi. Nell’Estrela Amadora segna 4 gol.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e Paços de Ferreira[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera da allenatore subito dopo il ritiro dal calcio giocato, iniziando prima dalle giovanili dell’Estrela Amadora e poi dalle serie minori portoghesi. Il 29 maggio 2012 viene chiamato dal Paços de Ferreira.[5] La stagione coi Castores si conclude con un terzo posto, che consente uno storico accesso ai play-off di Champions League, nella Coppa di lega portoghese non riesce ad andare oltre ai gironi e nella Coppa di Portogallo viene eliminato in semifinale dal Benfica.

Porto e ritorno al Paços de Ferreira[modifica | modifica wikitesto]

Fonseca al Porto nel 2013.

Il 10 giugno 2013 sostituisce Vítor Pereira sulla panchina del Porto.[6] Coi Dragões vince il suo primo trofeo da allenatore, ovvero la Supercoppa di Portogallo contro il Vitória de Guimarães per 3-0. Nella Champions League non riesce a superare il proprio girone arrivando terzo e accede ai sedicesimi di Europa League. Il 5 marzo 2014, a causa degli scarsi risultati in campionato, viene sollevato dall’incarico, lasciando la squadra al terzo posto.[7] Chiude la sua esperienza dopo aver totalizzato 21 vittorie, 9 pareggi e 7 sconfitte.

Il 10 giugno torna nuovamente al Paços de Ferreira; il giorno seguente viene presentato in conferenza stampa.[8][9] La sua seconda stagione in maglia giallo-verde non si conclude nel migliore dei modi: viene prima eliminato dalla Coppa di Portogallo agli ottavi di finale dal Famalicão per 2-1, dalla Coppa di lega portoghese al secondo turno dall’União da Madeira e si piazza all’ottavo posto in campionato.

Braga[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 luglio 2015 firma un contratto biennale con il Braga.[10] Viene eliminato in semifinale della Coppa di lega portoghese dal Benfica per 2-1, in Europa League si piazza al primo posto nel proprio girone elimina ai sedicesimi di finale il Sion e agli ottavi di finale elimina il Fenerbahçe ma viene eliminato ai quarti di finale dallo Shakhtar Donetsk, conquista la Coppa di Portogallo contro il Porto, la sua ex squadra e si piazza al quarto posto in campionato.

Shakhtar Donetsk[modifica | modifica wikitesto]

Fonseca allo Shakhtar Donetsk nel 2016.

Il 31 maggio 2016 viene ufficializzato il suo ingaggio dallo Shakhtar Donetsk, firmando un contratto biennale.[11] Perde la finale della Supercoppa d’Ucraina contro la Dinamo Kiev. In Champions League viene eliminato al terzo turno dei preliminari dallo Young Boys e accede alla fase a gironi dell’Europa League dove si piazza al primo posto ma viene eliminato ai sedicesimi di finale dal Krasnodar. Il 6 maggio 2017, con quattro giornate d’anticipo, vince il campionato ucraino. Poche settimane dopo, sconfiggendo in finale di Coppa d’Ucraina i rivali della Dinamo Kiev (1-0), conquista il double nazionale.

Il secondo anno inizia subito con un trofeo, ottenuto battendo la Dinamo Kiev (2-0) nella finale della Supercoppa d’Ucraina. In Champions raggiunge gli ottavi di finale, venendo sconfitto dalla Roma, sua futura squadra. A fine stagione ottiene il secondo double, bissando i successi in campionato e in Coppa d’Ucraina.

Il terzo anno sulla panchina dello Shakhtar comincia con la sconfitta nella Supercoppa nazionale ma, al termine dell’annata, Fonseca può festeggiare il terzo trionfo consecutivo sia in campionato che nella Coppa nazionale.

Complessivamente in 3 anni mette insieme 139 partite (103 vinte, 19 pareggiate e 17 perse) con 7 trofei vinti.

Roma[modifica | modifica wikitesto]

L’11 giugno 2019 viene ufficializzato come nuovo tecnico della Roma, con cui firma un contratto di due anni con opzione di rinnovo per il terzo.[12] Debutta sulla panchina giallorossa il 25 agosto 2019, nella gara di campionato pareggiata con il Genoa.[13] Fa la sua prima apparizione da allenatore giallorosso in Europa League il 19 settembre seguente, contro il İstanbul Başakşehir.[14] Il 6 ottobre 2019, al termine della gara di campionato contro il Cagliari, Fonseca viene espulso per la sua prima volta in giallorosso, assieme al collaboratore Nuno Romano.[15] La sua squadra conclude il campionato 2019-2020 al quinto posto in classifica e l’estromissione agli ottavi in Europa League per mano del Siviglia ed ai quarti in Coppa italia, eliminata dalla Juventus. Nonostante ciò, la squadra dimostra di avere un gran bel gioco capace di mettere in difficoltà qualunque compagine, soprattutto dopo che effettua il cambio di modulo (dal 4-2-3-1 al 3-4-2-1) nella partita contro il Napoli[16] in trasferta.

Alla prima giornata della Serie A 2020-2021, la sua squadra ottiene un pareggio per 0-0 sul campo contro il Verona, ma nei giorni seguenti il giudice sportivo assegna la vittoria per 3-0 a tavolino a favore del Verona a causa dello schieramento del giocatore Amadou Diawara, iscritto erroneamente nella lista under 22.[17]

Viene eliminato agli ottavi in Coppa Italia, perdendo 4-2 in casa contro lo Spezia.[18] Durante quest’ultima gara effettua sei sostituzioni, violando il regolamento della competizione, che ne consentiva solo cinque.[18] Nel post-partita, tra lui e il capitano Edin Džeko si apre un diverbio sulle scelte tattiche, con toni accesi, che determina l’esclusione del bosniaco dalla lista dei convocati della 19ª giornata di campionato.[19][20] Il 15 aprile, dopo aver vinto per 1-2 la gara di andata, pareggia 1-1 contro l’Ajax accedendo in questo modo alle semifinali di Europa League. Il 4 maggio 2021 la società annuncia la separazione dal tecnico portoghese al termine della stagione 2020-2021.[21]

Nel 2018 ha sposato il capo ufficio stampa dello Shakhtar Donetsk Kateryna Ostroushko. Dal matrimonio è nato Martin.[22]

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 23 maggio 2021. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2007-2008 Portogallo 1º Dezembro TD 32 12 11 9 CP 2 1 0 1 34 13 11 10 38,24
2008-2009 Portogallo Odivelas CD 32 9 10 13 CP 3 2 0 1 35 11 10 14 31,43
2009-2010 Portogallo Pinhalnovense SD 30 13 7 10 CP 6 3 2 1 36 16 9 11 44,44
2010-2011 SD 30 13 11 6 CP 6 4 1 1 36 17 12 7 47,22
Totale Pinhalnovense 60 26 18 16 12 7 3 2 72 33 21 18 45,83
2011-2012 Portogallo Desp. Aves SL 30 12 14 4 CP+CdL 5+3 3+1 1+1 1+1 38 16 16 6 42,11
2012-2013 Portogallo Paços Ferreira PL 30 14 12 4 CP+CdL 6+5 4+4 1+0 1+1 41 22 13 6 53,66
2013-2014 Portogallo Porto PL 21 13 4 4 CP+CdL 4+3 4+2 0+1 0+0 UCL+UEL 6+2 1+0 2+2 3+0 SP 1 1 0 0 37 21 9 7 56,76 Eson.
2014-2015 Portogallo Paços Ferreira PL 34 12 11 11 CP+CdL 3+2 2+0 0+1 1+1 39 14 12 13 35,90
Totale Paços de Ferreira 64 26 23 15 16 10 2 4 80 36 25 19 45,00
2015-2016 Portogallo Braga PL 34 16 10 8 CP+CdL 7+4 5+2 2+1 0+1 UEL 12 6 2 4 57 29 15 13 50,88
2016-2017 Ucraina Šachtar PL 32 25 5 2 KU 4 4 0 0 UCL+UEL 2+10 1+9 0+0 1+1 SU 1 0 1 0 49 39 6 4 79,59
2017-2018 PL 32 24 3 5 KU 4 4 0 0 UCL 8 5 0 3 SU 1 1 0 0 45 34 3 8 75,56
2018-2019 PL 32 26 5 1 KU 4 3 1 0 UCL+UEL 6+2 1+0 3+1 2+1 SU 1 0 0 1 45 30 10 5 66,67
Totale Šachtar 96 75 13 8 12 11 1 0 28 16 4 8 3 1 1 1 139 103 19 17 74,10
2019-2020 Italia Roma A 38 21 7 10 CI 2 1 0 1 UEL 9 3 4 2 49 25 11 13 51,02
2020-2021 A 38 18 8 12 CI 1 0 0 1 UEL 14 10 2 2 53 28 10 15 52,83
Totale Roma 76 39 15 22 3 1 0 2 23 13 6 4 102 53 21 28 51,96
Totale carriera 444 228 117 98 72 49 12 12 71 36 16 19 4 2 1 1 591 315 147 129 53,30

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Porto: 2013
Braga: 2015-2016
Shakhtar: 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019
Shakhtar: 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019
Shakhtar: 2017
  1. ^ Giuseppe Ielpo, Analisi Tattica: lo Shakhtar Donetsk di Paulo Fonseca, su AIAPC, 8 febbraio 2018. URL consultato il 1º novembre 2019.
  2. ^ Sky Sport, Organizzazione e talento, ecco come gioca lo Shakthar di Fonseca | Sky Sport, su sport.sky.it. URL consultato il 1º novembre 2019.
  3. ^ Dentro il calcio di Paulo Fonseca: terzini alti e possesso palla, su IlRomanista.eu. URL consultato il 1º novembre 2019.
  4. ^ Jacopo Azzolini, Roma, segreti e caratteristiche del 4231 di Fonseca, su Calcio News 24, 20 luglio 2019. URL consultato il 1º novembre 2019.
  5. ^ Ufficiale: Paços de Ferreira, Paulo Fonseca nuovo tecnico, tuttomercatoweb.com, 29 maggio 2012.
  6. ^ Ufficiale: Porto, Paulo Fonseca nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 10 giugno 2013.
  7. ^ Ufficiale: Porto, esonerato il tecnico Paulo Fonseca, tuttomercatoweb.com, 5 marzo 2014.
  8. ^ Paços de Ferreira confirma regresso de Paulo Fonseca, porto24.pt, 10 de Junho de 2014. URL consultato il 26 gennaio 2018 (archiviato dall’url originale il 26 gennaio 2018).
  9. ^ Paulo Fonseca “motivadíssimo” por voltar a Paços de Ferreira, relvado.aeiou.pt, 11 de Junho de 2014.
  10. ^ Ufficiale: Sporting Braga, Paulo Fonseca è il nuovo allenatore, tuttomercatoweb.com, 2 luglio 2015.
  11. ^ Ufficiale: Shakhtar Donetsk, il dopo Lucescu è Paulo Fonseca, tuttomercatoweb.com, 31 maggio 2016.
  12. ^ Paulo Fonseca sarà il nuovo responsabile tecnico dell’AS Roma dalla stagione 19-20, su www.asroma.com. URL consultato l’11 giugno 2019.
  13. ^ Sky Sport, La Roma va, il Genoa la riprende: 3-3 all’Olimpico, su sport.sky.it. URL consultato il 26 agosto 2019.
  14. ^ Sky Sport, Roma, poker all’esordio: 4-0 al Basaksehir, su sport.sky.it. URL consultato il 22 settembre 2019.
  15. ^ Sky Sport, Fonseca si scusa e spiega il motivo della sua rabbia verso l’arbitro, su sport.sky.it. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  16. ^ Napoli – Roma: 2-1 Serie A 2019/2020. Risultato finale e commento alla partita, su Virgilio Sport. URL consultato il 16 febbraio 2021.
  17. ^ Comunicato ufficiale n.32 (PDF), su legaseriea.it, 22 settembre 2020.
  18. ^ a b Coppa Italia, Roma-Spezia 2-4 ai supplementari: liguri ai quarti, i giallorossi (in 9) sbagliano anche il numero dei cambi, su la Repubblica, 19 gennaio 2021. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  19. ^ Fonseca e Dzeko, scontro dopo Roma-Spezia: il retroscena, su corrieredellosport.it. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  20. ^ Roma, è rottura con Dzeko: il caos Fonseca e l’apertura all’addio subito, Juve e Inter in allerta, su Calciomercato.com | Tutte le news sul calcio in tempo reale. URL consultato il 22 gennaio 2021.
  21. ^ L’AS Roma comunica che Paulo Fonseca lascerà il Club al termine della stagione, su asroma.com, 4 maggio 2021.
  22. ^ Chi è Paulo Fonseca, il nuovo tecnico della Roma, su newsmondo.it. URL consultato l’11 giugno 2019.
  • (DEENIT) Paulo Fonseca (calciatore), su Transfermarkt, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Paulo Fonseca (allenatore), su Transfermarkt, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • Paulo Fonseca, su it.soccerway.com, Perform Group. Modifica su Wikidata
  • (EN) Paulo Fonseca, su soccerbase.com, Racing Post. Modifica su Wikidata
  • (ENPT) Paulo Fonseca, su ForaDeJogo.net. Modifica su Wikidata


Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general