come rinforzare lo zoccolo del cavallo

[ad_1]

 

Tenere un cavallo in salute ed efficienza, si sa, richiede cure e attenzioni costanti per prevenire patologie gravi e mantenere al minimo la proliferazione di virus e batteri sia sul corpo dell’animale che all’interno dei box. Il che comporta ore di tempo e spese da sostenere: energie e risorse su cui c’è poco da lesinare. Vediamo insieme quali mosse e quali strumenti e prodotti specifici da utilizzare per tenere pulito e sano il tuo cavallo, a partire da una zona estremamente importante e sensibile: lo zoccolo.

La pulizia dello zoccolo – No foot no horse

 

Per una routine quotidiana responsabile è necessario eliminare dai piedi del cavallo i residui di sporco lasciati dalla terra, dagli escrementi, dagli insetti e dai sassi che si inseriscono nelle lacune del fettone e tra unghia e ferro. Vero è infatti il detto inglese che dice che senza il piede non c’è il cavallo. E per mantenere sano il suo piede, la prima regola di pulizia riguarda l’igiene del box, che va tenuto pulito e asciutto spazzandolo ogni giorno con la scopa di saggina, e portando fuori le lettiere per svuotarle e disinfettarle. 
Parte della manutenzione regolare dello zoccolo è fatta dal maniscalco con le azioni di pareggio e di ferratura, indispensabili per impedire allo zoccolo di consumarsi e di sistemare le eventuali deformazioni, aiutando così l’equilibrio e la postura del cavallo. La pulizia giornaliera del piede del cavallo si fa invece con uno strumento specifico, che si chiama curasnetta, iniziando dal tallone e finendo sulla punta, dove si trova la barbetta del ferro.

Si tratta di un attrezzo in ferro  ad uncino, a cui spesso è abbinato uno spazzolino, che garantisce una pulizia ottimale senza causare ferite. Ma ci sono casi in cui ulcere, infezioni o una temporanea assenza dello zoccolo richiedano una protezione aggiuntiva fino alla successiva ferrata: è allora indicato l’uso della scarpetta da box di plastica che protegge lo zoccolo garantendo il movimento dell’animale anche nel paddock o al pascolo, da usare solo in presenza di una fascia. Bisogna poi ricordarsi di mantenere sempre idratato ed elastico il fettone, zona in cui i batteri si possono annidare facilmente, con l’aiuto di prodotti antimicrobici in forma di spray, lozioni intensive o gel disinfettanti a base di vitamine e oli essenziali. Per prevenire poi le infiltrazioni di batteri nel fettone esiste un rimedio antico e sempre efficace come il catrame di legno di faggio in purezza, da applicare dopo la routine di pulizia, per le sue proprietà impermeabilizzanti e anti batteriche. Lo zoccolo va quindi pulito in profondità usando prodotti specifici, atti anche a prevenire il marciume, e che al tempo stesso proteggono e rinforzano.
Dopo la pulizia il grasso idrata e protegge lo zoccolo, e in caso di bisogno di una spinta per la sua crescita, sono ottime da spalmare le creme a base di alloro che riattivano la circolazione sanguigna.

 

 



Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general