come slogarsi il gomito

[ad_1]

Generalità

La lussazione del gomito è l’infortunio a tale articolazione contraddistinto dalla perdita di contatto tra l’omero e il complesso ulna-radio.

In genere, la lussazione del gomito ha un’origine traumatica: le tipiche circostanze in cui si verifica, infatti, sono le cadute su mano tesa e gli incidenti automobilistici in cui il soggetto infortunatosi si è proteso in avanti con le mani prima dell’impatto.
La lussazione del gomito si manifesta con dolore e, se è particolarmente grave, anche con una deformità dell’articolazione interessata e altre complicanze.
Per la diagnosi di lussazione del gomito sono fondamentali l’esame obiettivo, l’anamnesi e i raggi X.
Il trattamento della lussazione del gomito mira, prima di tutto, al ripristino della normale anatomia articolare, e, successivamente, al recupero della funzionalità articolare.
L’approccio terapeutico varia da conservativo a chirurgico a seconda della gravità dell’infortunio.

Cos’è una Lussazione? Un breve ripasso

In traumatologia, il termine “lussazione” indica la perdita permanente dei rapporti reciproci tra i capi articolari (o superfici articolari) di un’articolazione. Di natura traumatica, questo spiacevole evento è spesso associato a un danno più o meno esteso della capsula articolare e a una lesione dei legamenti che stabilizzano le superfici articolari.

La lussazione è diversa dalla distorsione: nella distorsione, infatti, si assiste a una modificazione temporanea dell’anatomia di un’articolazione (nella lussazione, l’alterazione è permanente).

Cos’è

Lussazione del Gomito: Cos’è?

La lussazione del gomito è l’infortunio a questa articolazione caratterizzato dalla perdita di contatto tra le superfici articolari e, talvolta, da un danno a carico di legamenti, componenti ossee, vasi sanguigni e/o nervi.

Anatomia del Gomito: un breve ripasso

Per comprendere appieno in cosa consiste la lussazione del gomito, è di enorme aiuto conoscere gli aspetti principali dell’anatomia del gomito; ecco, quindi, un breve ripasso:

  • Il gomito è l’articolazione dell’arto superiore che congiunge il braccio all’avambraccio; il gomito, infatti, articola l’estremità distale dell’omero (osso del braccio) alle estremità prossimali di ulna e radio (ossa dell’avambraccio).
  • L’estremità distale dell’omero partecipa all’articolazione del gomito con troclea e capitulum, mentre l’estremità prossimale di ulna e radio rispettivamente con incisura trocleare e capitello radiale.
    Analizzando in che modo interagiscono queste componenti, emerge che la troclea omerale è in rapporto con l’incisura trocleare dell’ulna, mentre il capitulum omerale è articolato con il capitello radiale.
  • Come ogni articolazione sinoviale, il gomito è fornito di capsula articolare, membrana sinoviale, legamenti e borse sinoviali.
  • Esempio di articolazione sinoviale a cerniera (o ginglimo), il gomito consente i movimenti di flessione ed estensione dell’avambraccio rispetto al braccio.

Cause

Lussazione del Gomito: Quali sono le Cause?

La tipica causa di lussazione del gomito è la caduta su mano tesa, atteggiata a difesa; durante una simile situazione, infatti, l’impatto della mano con il suolo è in grado di generare una forza di spinta tale da alterare l’anatomia del gomito e l’allineamento delle sue superfici articolari.

La lussazione di gomito è una classica conseguenza anche degli incidenti stradali in cui chi è coinvolto protende le mani in avanti per proteggersi dalla collisione immediata; provando a immaginare la situazione, il lettore si renderà conto che l’impatto che si verifica in queste circostanze è molto simile a quello descritto per le cadute su mano tesa.

Lussazione del Gomito nel Bambino: le Cause

Nei bambini, oltre alla caduta su mano tesa e agli incidenti stradali, sono da segnalare altre due potenziali cause di lussazione del gomito:

  1. Il sollevamento improprio con presa sull’arto superiore. Il gesto di sollevare un bambino prendendolo per il polso e quello di farlo oscillare tenendolo per i polsi può causare la lussazione del gomito.
  2. Tirare improvvisamente il soggetto per la mano o per il polso. È un gesto che un genitore potrebbe compiere quando vuole che il proprio figlio scenda da un gradino o che attraversi la strada in velocità.

Tipi di Lussazione del Gomito

Lussazione del Gomito Parziale o Completa

La lussazione del gomito può essere parziale (o sublussazione del gomito) o completa: parziale significa che le superfici articolari hanno perso solo in parte il contatto che le univa; completa, invece, che le superfici articolari si sono separate del tutto.
Chiaramente, la lussazione del gomito è più grave quando è completa; è doveroso, tuttavia, specificare che in entrambe le circostanze può verificarsi uno stiramento o una lesione dei legamenti articolari.

Lussazione del Gomito Semplice o Complessa

Un’altra classificazione distingue la lussazione del gomito in semplice o complessa: è semplice, quando l’infortunio non è associato a danni rilevanti a carico delle strutture ossee; è complessa, invece, quando è combinata a lesioni ossee e/o dei legamenti.

È da segnalare che, quando particolarmente gravi, le lussazioni del gomito complessa possono caratterizzarsi anche per un danno a carico di vasi sanguigni o nervi; quando ciò si verifica, c’è un rischio non trascurabile di perdita dell’arto superiore.

Lussazione del Gomito: Fattori di Rischio

Senza dubbio, praticare attività lavorative o fisiche che comportano un rischio di caduta su mano tesa aumenta la probabilità di procurarsi una lussazione del gomito.

Anche la giovane età favorisce la lussazione del gomito: nei bambini, gli elementi che garantiscono stabilità a questa articolazione (legamenti) sono più mobili e flessibili; di conseguenza, è più facile che, al verificarsi di determinati traumi, le superfici articolari si separino.

Infine, merita una segnalazione la predisposizione alla lussazione del gomito e delle altre articolazioni sinoviali dovuta a una lassità congenita dei legamenti.

Lussazione del Gomito: Epidemiologia

Negli adulti, il gomito è la seconda articolazione del corpo umano più soggetta a lussazione, dopo la spalla (il cui nome più corretto è articolazione gleno-omerale); nei bambini, invece, in questa speciale classifica, figura al primo posto (il motivo di ciò è stato spiegato poche righe sopra).

Sintomi e Complicazioni

Lussazione del Gomito: i Sintomi

Quando è completa, la lussazione del gomito è responsabile di un dolore intenso, che impedisce il movimento dell’articolazione; inoltre, molto spesso, causa anche un’evidente deformazione del gomito.

Quando è parziale (sublussazione del gomito), invece, provoca una dolenzia più lieve e, raramente, altera la normale anatomia del gomito; proprio per questi motivi, la lussazione parziale del gomito potrebbe passare inosservata, quanto meno in fase iniziale.

Lussazione del Gomito: altri Sintomi

Se associata a uno stiramento o a una lesione dei legamenti, la lussazione del gomito potrebbe caratterizzarsi anche per la presenza di ematomi locali e gonfiore.

Lussazione del Gomito e Lesione dei Legamenti

I legamenti lesionati in occasione di una lussazione del gomito potrebbero non guarire mai spontaneamente; come approfondito più avanti, in tali frangenti, è necessario un intervento chirurgico di riparazione.

Complicanze della Lussazione del Gomito

Varie complicanze sono associate alla lussazione del gomito; più in dettaglio, tra queste figurano:

  • La frattura delle componenti ossee che partecipano all’articolazione.
  • Lo schiacciamento/intrappolamento dei nervi che transitano per il gomito. La lussazione del gomito altera l’anatomia dell’articolazione e ciò ripercuotersi sulle strutture limitrofe, come i nervi.
    Lo schiacciamento/intrappolamento dei nervi che transitano vicino al gomito si manifesta con sintomi quali intorpidimento e/o formicolo a livello dell’avambraccio e/o della mano.
  • La lesione o lo schiacciamento dei vasi sanguigni che passano per il gomito. In modo simile ai nervi, anche i vasi sanguigni che attraversano il gomito possono danneggiarsi o schiacciarsi a seguito di una lussazione.
    Una lesione di questi vasi sanguigni può avere serie conseguenze: potrebbe privare, infatti, i tessuti e le ossa dell’arto superiore coinvolti di quella quota di sangue necessaria al loro mantenimento in vita; ne consegue, quindi, un processo di necrosi che può sfociare, nei casi più estremi, all’amputazione spontanea dell’arto superiore.
    Sintomi caratteristici di una lesione dei vasi sanguigni dovuta a una lussazione del gomito sono: mano e avambraccio freddi e di colore cianotico/viola.
  • La frattura da avulsione. Sono le fratture ossee che si verificano a seguito della trazione esercitata da un legamento o un tendine sulla superficie ossea d’inserzione.
    Nella lussazione del gomito, la frattura da avulsione è da imputarsi tipicamente all’azione di un legamento articolare, il quale, in occasione dell’evento scatenante l’infortunio, ha esercitato una trazione brusca a carico dell’area ossea d’inserzione.
  • L’artrosi del gomito. Consiste nelle degenerazione della cartilagine che ricopre le superfici articolari del gomito, in particolare quelle di troclea e incisura trocleare.

Lussazione del Gomito: quando rivolgersi al medico?

Una persona dovrebbe contattare un medico o recarsi al pronto soccorso se, dopo una caduta o un qualsiasi altro evento traumatico, lamenta un dolore persistente al gomito; a maggior ragione, è consigliabile un consulto medico se, oltre al dolore, il soggetto presenta anche una deformità a livello articolare.

Diagnosi

Lussazione del Gomito: Esami per la Diagnosi

Per la diagnosi di una lussazione del gomito, sono fondamentali l’esame obiettivo, l’anamnesi e i raggi X.

Nel caso in cui i raggi X fornissero immagini poco chiare, i medico opterà per una TAC o per una risonanza magnetica nucleare.

Anamnesi

L’anamnesi prevede che il paziente descriva i sintomi avvertiti e che informi il paziente in merito a: la dinamica di infortunio e lo stato di salute generale.

Esame Obiettivo

Durante l’esame obiettivo per una lussazione del gomito, il medico valuta l’entità del dolore accusato dal paziente e se ci sono lividi e/o gonfiori locali.

Inoltre, osserva se sono presenti eventuali segni di un danno vascolare (cianosi, mano e avambraccio freddi ecc.) e/o di una lesione nervosa (formicolio, intorpidimento ecc.).

Raggi X

I raggi X rappresentano l’esame di diagnostica per immagini più indicato per l’individuazione di una lussazione del gomito.
Grazie a essi, il medico è in grado di confermare i sospetti clinici e di conoscere con estrema precisione le alterazioni anatomiche e i danni prodotti dall’infortunio articolare.

Terapia

Cura Lussazione del Gomito: Cosa Fare

La lussazione del gomito rappresenta un infortunio articolare di emergenza, che richiede un intervento medico immediato.

Il trattamento prevede generalmente due fasi:

  • Una prima fase dedicata alla riduzione della lussazione, cioè al ripristino della normale anatomia dell’articolazione, e
  • Una seconda fase rivolta al recupero della funzionalità articolare del gomito, mediante un appropriato programma di fisioterapia riabilitativa.

Per le forme meno gravi di lussazione del gomito, può risultare sufficiente una terapia conservativa; per le forme più gravi, invece, è necessaria la chirurgia.

Lussazione del Gomito: Terapia Conservativa

Riduzione

La riduzione in modalità conservativa di una lussazione del gomito consiste in una manovra manuale, praticata da un ortopedico, un medico specializzato nel trattamento di questo tipo di infortuni.

In genere, prima di tale manovra manuale, il paziente riceve farmaci antidolorifici e medicinali sedativi, per evitare di avvertire dolore.

Dopo la riduzione in modalità conservativa di una lussazione del gomito, segue un periodo di immobilizzazione dell’articolazione in flessione a 90°, la cui duranta va da 1 a 3 settimane. È importante non eccedere nell’immobilizzazione, per non pregiudicare eccessivamente la mobilità articolare.

È molto probabile che, al termine dell’immobilizzazione, il paziente debba sottoporsi a un esame ai raggi X del gomito, che accerti il buon esito della riduzione.

Fisioterapia Riabilitativa

La fisioterapia riabilitativa ha inizio immediatamente dopo il periodo di immobilizzazione del gomito (a patto che i raggi X abbiano confermato il buon esito della riduzione).

L’obiettivo del programma fisioterapico è ripristinare la mobilità articolare del gomito.
Indispensabili al raggiungimento di tale scopo sono sia specifici esercizi di stretching, sia il rinforzo muscolare.

La riabilitazione da una lussazione del gomito è un percorso di lunga durata, che richiede molta costanza e continuità da parte del paziente in quelli che sono gli esercizi terapeutici.

È da segnalare che, talvolta, anche quando il programma fisioterapico è appropriato, il paziente non riesce a recuperare la piena mobilità articolare in estensione; questo, fortunatamente, non è un problema così rilevante: il gomito, infatti, è funzionale alle esigenze dell’essere umano anche se non si estende completamente.

Lussazione del Gomito: Terapia Chirurgica

La chirurgia è riservata ai casi di lussazione del gomito più gravi, caratterizzate da lesioni dei legamenti, da fratture ossee e/o danni alle strutture vascolari o nervosi limitrofe all’articolazione.

In genere, l’intervento chirurgico per una lussazione del gomito grave prevede la riparazione delle varie strutture articolari compromesse, seguita dalla manovra di riduzione.

Al termine dell’operazione di chirurgica, seguono, prima, un periodo di immobilizzazione del gomito in flessione a 90° e, successivamente, un programma di fisioterapia riabilitativa finalizzato al recupero della mobilità articolare.

Chiaramente, i tempi di recupero da una grave lussazione del gomito sottoposta a chirurgia sono più lunghi di quelli previsti in occasione di lussazione lieve, che ha previsto soltanto una terapia conservativa.

È da segnalare che le lussazioni del gomito più severe potrebbe richiedere, a distanza di tempo, un secondo intervento chirurgico, al fine di ottimizzare i risultati del primo.

Prognosi

La prognosi in caso di lussazione del gomito dipende da vari fattori, tra cui la gravità dell’infortunio stesso, il buon esito della manovra di riduzione e la particolare meticolosità con cui il paziente si dedica al recupero.

In generale, le speranze di un recupero soddisfacente sono maggiori quando la lussazione del gomito è semplice.

Lussazione del Gomito: Tempi di Recupero

Senza contare la fisioterapia che segue la riduzione, i tempi di recupero da una lussazione del gomito vanno dalle 3 alle 6 settimane.

Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general