cosa accadde nel boom economico

[ad_1]

Al termine della guerra l’Italia si trovava in gravissime condizioni: era un paese distrutto, materialmente e moralmente; bisognava ricostruire l’economia, ma anche le istituzioni politiche dopo la dittatura fascista e il vuoto di potere, creatosi dopo l’armistizio, durato due anni.

La ricostruzione fu governata dalle forze politiche protagoniste della guerra di liberazione: i grandi partiti popolari di massa, come la Democrazia Cristiana, il Partito socialista e il Partito comunista, ed altre forze antifasciste, come il Partito d’azione. Il primo governo del dopoguerra fu affidato a Ferruccio Parri e durò dal giugno 1945 fino alla fine dell’anno; poi fino dalla primavera del 1947 l’Italia fu guidata da governi di coalizione tra DC, PSI e PCI.

Il 2 giugno 1946 gli italiani furono chiamati al voto e il suffragio fu universale, perché per la prima volta in Italia votarono anche le donne: un referendum chiedeva di scegliere tra monarchia e repubblica, inoltre si dovevano votare i membri dell’Assemblea Costituente, la quale avrebbe dovuto lavorare a una nuova costituzione democratica. Vinse la repubblica, ma di pochi voti, infatti il sud votò quasi compatto per la monarchia, e nell’Assemblea Costituente furono rappresentati i grandi partiti popolari. Essa si riunì il 25 giugno del 1946 e scelse come suo presidente il socialista Giuseppe Saragat, poi a giugno elesse Enrico De Nicola come capo provvisorio dello Stato. L’Assemblea terminò il suo lavoro alla fine del 1947 e il 1° gennaio 1948 entrò in vigore la nuova Costituzione repubblicana.

Intanto nel mondo era scoppiata la “guerra fredda”, le tensioni tra il blocco dei paesi filoamericani e quello dei paesi  filosovietici erano sempre più forti e questo ebbe ripercussioni anche in Italia: nel maggio del 1947 il presidente del Consiglio, il democristiano Alcide De Gasperi, varò un governo di cui non facevano più parte i partiti di sinistra e che si reggeva sulla coalizione tra DC e partiti di centro. Le elezioni dell’aprile del 1948, preparate da un’aspra campagna elettorale, nella quale l’avversario veniva demonizzato, furono ampiamente vinte dalla DC, anche grazie all’appoggio degli USA e del Vaticano.

In questo quadro politico si operò per la ricostruzione economica, che poté avvenire grazie a diversi fattori, tra cui gli aiuti internazionali dell’ONU e il piano Marshall, un piano di aiuti economici e finanziari messo in atto dagli Stati Uniti per sostenere la ripresa europea, ma anche una grande opera di propaganda a favore del sistema capitalistico americano. Prima del cosiddetto “boom economico” che si realizzò tra il 1958 e il 1963 l’Italia era un paese prevalentemente agricolo e furono proprio le condizioni di partenza decisamente arretrate che resero ancora più evidenti gli effetti della ripresa. Il “miracolo economico” avvenne per diverse ragioni: la generale ripresa dell’economia mondiale, la creazione del Mercato comune europeo (1957), il basso costo della manodopera e delle materie prime e la costruzione di infrastrutture volute dai governi centristi (nel 1959 fu inaugurato il primo tratto dell’Autostrada del Sole). La crescita riguardò soprattutto l’industria e permise un benessere inimmaginabile solo pochi anni prima, testimoniato dalla diffusione di beni di consumo di massa, quali automobili, elettrodomestici e dalla nascita dell’industria del tempo libero.

La televisione, nata nel 1954, fu l’elettrodomestico più desiderato in quegli anni e quello che più di tutti favorì la diffusione di consumi di massa e l’unificazione culturale del paese.

Questo boom però non interessò tutta l’Italia nello stesso modo, anzi si inasprì lo storico divario tra Nord e Sud e questo portò un enorme spostamento di popolazione, una migrazione interna dalle campagne meridionali alle città industrializzate del Nord che cambiò profondamente la demografia del Paese.

Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Reset Password