in che modo lo sport influisce sul benessere

[ad_1]

C’è chi lo pratica per diletto e chi per forza, chi ne
apprezza il lato ludico e chi, pur non praticandolo, ne riconosce la potenza
emotiva e la capacità di aggregare.

Sono tanti i modi in cui ognuno di noi interpreta e vive lo
sport, che rimane comunque una costante nella vita quotidiana delle persone.

Spesso al centro di grandi critiche e teatro di eventi non
del tutto “sani”, nella sua accezione più pura rappresenta una palestra di
vita, capace di insegnare valori necessari per una vita all’insegna dell’amore
di sé e degli altri, del rispetto, del buon umore e della salute mentale e
fisica.

Sport: salute e longevità

A qualsiasi età, svolgere un po’ di attività fisica, che sia
correre, giocare a pallone con gli amici o andare in palestra, è la garanzia
per una vita sana.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, riferendosi allo
sport, spiega come la sua mancanza nella vita delle persone rappresenti il
quarto fattore di rischio per la mortalità in tutto il mondo.

In una società come la nostra, dove il lavoro richiede
sempre meno movimento (basti pensare a tutti coloro che passano gran parte
della loro giornata davanti ad un computer e seduti alla loro scrivania),
l’attività fisica diventa ancora più importante e, se svolta ad un livello
adeguato, può aiutare a:

  • Ridurre il rischio di ipertensione, obesità,
    cancro, cardiopatia, diabete e depressione;
  • Equilibrare le calorie assunte durante la
    giornata e ad avere un peso sano;
  • Migliorare a salute delle ossa.

Sono tanti i vantaggi fisici che il movimento corporeo
apporta sulle persone: ecco perché definirlo come un capriccio di chi vuole
migliorare l’aspetto fisico e scolpire la silohuette, sarebbe troppo riduttivo.

La sua azione benefica, però, non riguarda soltanto la
salute del corpo, ma anche e soprattutto quella della mente.

Un vero toccasana per tanti disturbi della sfera psichica,
fare attività fisica in modo regolare aiuta a diminuire lo stato di ansia e
stress, poiché rilascia le endorfine, meglio conosciute come gli ormoni del
buonumore.

Non c’è una regola precisa che definisce quale sia la
frequenza giusta per praticare lo sport. Tuttavia, quello che conta, è essere
costanti e alternare allenamenti moderati di 30 minuti al giorno per almeno
cinque giorni, con altri più intensi di almeno 20 minuti per altri due giorni a
settimana, in modo graduale e secondo i propri ritmi.

Ciò non significa che tutti dobbiamo diventare degli atleti.
Basterà svolgere delle semplici attività giornaliere, come camminare, portare
il cane a passeggio, ballare o anche fare qualche lavoro in casa che richieda
movimento.

L’importante è prendere il via e si può anche iniziare
cambiando qualche abitudine: prendere le scale al posto dell’ascensore, o
scendere dall’autobus una fermata prima e fare una passeggiata per raggiungere
il lavoro.

Sport e benessere: umore e psicologia

Lo sport, quindi, non solo aggiunge anni alla vita, ma ne
migliora la qualità a 360°, grazie agli evidenti benefici che ha sulla mente.

Una regolare pratica sportiva previene i sintomi dell’ansia
e dello stress e aiuta a rilassare le tensioni muscolari, favorendo il sonno,
uno dei più grandi alleati del buon umore.

L’International Society of Sport Psychology (ISSP) ha
confermato come l’attività fisica sia in grado di apportare miglioramenti psicologici
a breve e lungo termine, individuabili in:

  • Un positivo cambiamento nella percezione di sé;
  • Un incremento dell’energia ed entusiasmo durante
    lo svolgimento delle attività di tutti i giorni;
  • Un maggior stato di prontezza mentale;
  • Un aumento del piacere per l’esercizio fisico;
  • Un aumento del buon umore e diminuzione dello
    stato depressivo;
  • Una maggiore fiducia in sé stessi.

In particolare, sempre secondo quanto dichiarato dall’ISSP,
praticare regolarmente sport aiuta la propria autostima e, tutto questo,
influisce positivamente su alcune patologie quali osteoporosi, ipertensione,
diabete e alcuni disturbi dell’umore.

Per capire il perché di tali effetti, basta cercare le
risposte nella scienza: l’attività motoria, infatti, aumenta il rilascio di
endorfine, sostanze chimiche di origine organica, che possiedono proprietà
simili a quelle dell’oppio e della morfina e, producono effetti analgesici ed
eccitanti che incidono sull’umore.

Fare movimento, quindi, è davvero importante per stare bene
con sé stessi e non solo. E se da un lato questo vuol dire porsi degli
obiettivi ed impegnarsi per raggiungerli con le proprie forze, dall’altro,
quando coinvolge altre persone, permette di lavorare in gruppo, imparando a
delegare e a fidarsi dei propri compagni.

Sport ed educazione

Già in età infantile e poi in quella adolescenziale, lo
sport assume un’importanza rilevante nella formazione dei giovani, trasmettendo
valori di grande rilievo, quali la lealtà, il rispetto e l’amicizia.

Un grande strumento di inclusione, che incoraggia l’incontro
di culture diverse, esso riesce a produrre effetti benefici per la crescita
cognitiva di quei bambini che, fin da piccoli, si cimentano nel calcio, nel
basket o in qualsiasi altra disciplina sportiva.

La società di oggi, con il suo
ritmo di vita frenetico, i rapporti tra persone che viaggiano a velocità forse
troppo sostenute e le conoscenze superficiali dietro a un pc, spesso si
dimentica delle persone in quanto tali.

Un grande problema questo, che
soprattutto nei giovani genera grandi insicurezze e il venir meno dei valori di
riferimento.  

In un contesto del genere, lo
sport, come una vera e propria agenzia educativa, diventa un momento di gioco e
di divertimento, ma anche di formazione, insegnando a bambini e ragazzi che
nella vita si vince e si perde, ma ciò che conta è apprezzare ogni momento, dal
quale si può imparare sempre qualcosa.

Il gioco e lo sport possono
essere definiti dei facilitatori di relazioni e incontri, tanto che tutte le
varie forme di diversità individuali vengono riconosciute e allo stesso tempo
valorizzate.

Ecco perché la presenza di
associazioni sportive ed oratori, all’interno delle nostre comunità,
rappresenta una incredibile risorsa educativa, capace di riprodurre su un piano
simbolico la realtà della vita, che è fatta di impegno, sacrificio, sofferenza,
lotta, ma anche soddisfazione, gioia, felicità e speranza.

Ma se lo sport si configura come
il traguardo di un percorso educativo, che inizia da bambini con il gioco, fino
ad evolvere in quello che riconosciamo come attività sportiva vera e propria,
gli educatori e gli insegnanti sono figure chiave per far sì che questo
avvenga.

Sono loro, infatti, che tutti i
giorni si impegnano a trasmettere ai ragazzi i fondamenti di una cultura basata
sul rispetto, soprattutto verso l’avversario, il senso di responsabilità e la
negazione di qualunque forma di di violenza.

Sinonimo di impegno e di
costanza, dunque, l’attività sportiva favorisce una crescita equilibrata,
salvaguardando il diritto di sbagliare, senza dover rinunciare alla
realizzazione dei propri obiettivi.

Sport e sviluppo nei bambini

Se da una parte lo sport viene riconosciuto come un
importante strumento di educazione per i ragazzi, dall’altro, sin da quando
sono piccoli, esso rappresenta uno strumento molto utile per favorirne la crescita
e garantire al corpo uno stato di salute.

A partire dai 3 anni, i bambini possono iniziare a praticare
attività sportiva e questo può contribuire a predisporre i piccoli a due cose,
che condizioneranno positivamente la loro maturità: il movimento e la
socialità.

Il bagaglio di esperienze fornito dallo sport non riguarda
soltanto la sfera motoria, ma anche quella psicologica. Per questo motivo, un
adulto che lo ha praticato fin da bambino, è più predisposto a fare esercizio
anche da grande, incoraggiando i propri figli a fare lo stesso.

La bellezza del mondo in cui viviamo, dove i confini sono
facilmente superabili e grazie alla tecnologia è possibile osservare cosa
succede dall’altra parte del mondo, molto spesso ci mette davanti ad una
contropartita: il rischio che i bambini si adagino nell’ozio e alla pratica di
una vita sedentaria.

Televisione, tablet, cellulare e console sono presenze
costanti nelle case delle persone e, se da una parte assolvono a funzioni
piacevoli e irrinunciabili, come trasmettere notizie, mettere in contatto chi
non è vicino fisicamente, riprodurre musica di sottofondo o allietare il tempo
libero con un film divertente, dall’altro inducono i bambini alla sedentarietà,
tendendoli incollati ad uno schermo per ore, anziché uscire all’aria aperta e
socializzare con i loro coetanei.

Questo, sebbene non debba creare eccessivi allarmismi, può
però essere un campanello d’allarme per i genitori: la vita sedentaria,
infatti, associata a cattive abitudini alimentari, può essere la causa
dell’obesità infantile, che negli ultimi anni sta colpendo sempre più bambini.

Ecco dunque, che l’attività fisica si presenta come una
soluzione efficace a combattere questo problema, oltre che una pratica sociale,
divertente e istruttiva fin dall’infanzia.

Grazie allo sport i bambini potranno fare le loro prime
esperienze motorie, sviluppando la capacità di muoversi in modo corretto ed
armonico, e imparare di più sul proprio corpo, le sue reazioni, i limiti e le
potenzialità, arrivando ad una maggiore consapevolezza di sé stessi.



Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general