quale dei seguenti rappresenta uno svantaggio della struttura organizzativa funzionale

[ad_1]

Elenco in ordine alfabetico delle domande di Organizzazione aziendale #4

Seleziona l’iniziale:
A   B   C   D   E   F   G   H   I   J   K   L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   W   X   Y   Z  

> Clicca qui per scaricare l’elenco completo delle domande di questo argomento in formato Word!


– Quale dei seguenti è un esempio di core tecnology per uno stabilimento manifatturiero?   Gestione degli input di materie prime.

– Quale dei seguenti è un esempio di core tecnology per uno stabilimento manifatturiero?   La lavorazione.

– Quale dei seguenti è un esempio di core tecnology per uno stabilimento manifatturiero?   Assemblaggio.

– Quale dei seguenti è un esempio di core tecnology per uno stabilimento manifatturiero?   Controllo della qualità sui prezzi lavorati prima dell’assemblaggio.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa a matrice?   Espone i partecipanti a una duplice autorità, può creare confusione e risultare frustrante.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa a matrice?   Implica che i partecipanti abbiano buone capacità interpersonali e ricevano una formazione approfondita.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa a matrice?   Assorbe molto tempo: comporta frequenti riunioni e sessioni di risoluzione dei conflitti.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa a matrice?   Non può funzionare se i partecipanti non la comprendono e non adottano relazioni collegiali anziché verticali.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa a matrice?   Richiede grandi sforzi per mantenere un bilanciamento del potere.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa divisionale?   Elimina le economie di scala nelle unità funzionali.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa divisionale?   Porta a uno scarso coordinamento tra le linee di prodotto.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa divisionale?   Elimina l’approfondimento delle competenze e la specializzazione tecnica.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa divisionale?   Rende difficili l’integrazione e la standardizzazione tra le linee di prodotto.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa funzionale?   Tempo di risposta lento di fronte ai cambiamenti ambientali.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa funzionale?   Può causare un accumulo di decisioni al vertice e il sovraccarico della gerarchia.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa funzionale?   Porta a uno scarso coordinamento orizzontale tra le unità organizzative.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa funzionale?   Si traduce in una minore innovazione.

– Quale dei seguenti è un punto di debolezza della struttura organizzativa funzionale?   Implica una visione ristretta degli obiettivi organizzativi.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa a matrice?   Realizza il coordinamento necessario per far fronte a richieste duali da parte dei clienti.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa a matrice?   Assicura la condivisione flessibile delle risorse umane tra i prodotti.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa a matrice?   Si adatta a decisioni complesse e cambiamenti frequenti in un ambiente instabile.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa a matrice?   Offre opportunità per lo sviluppo di competenze sia funzionali sia di prodotto.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa a matrice?   E’ da preferire in organizzazioni di media grandezza con molteplici prodotti.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   E’ indicata in caso di rapidi cambiamenti in un ambiente instabile.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   Porta alla soddisfazione del cliente perché le responsabilità sul prodotto e i punti di contatto sono chiari.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   Genera un alto grado di coordinamento tra le funzioni.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   Permette alle unità di adattarsi a differenze di prodotto, geografiche, di clientela.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   E’ da preferire in organizzazioni di grandi dimensioni con molti prodotti.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa divisionale?   Decentralizza il processo decisionale.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa funzionale?   Facilita le economie di scala all’interno delle unità funzionali.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa funzionale?   Permette lo sviluppo di conoscenze e capacità approfondite.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa funzionale?   Permette all’organizzazione di conseguire obiettivi funzionali.

– Quale dei seguenti è un punto di forza della struttura organizzativa funzionale?   E’ da preferire in presenza di un solo prodotto o pochi prodotti.

– Quale dei seguenti rappresenta un vantaggio della struttura orizzontale?   Promuove la flessibilità e la velocità di reazione ai cambiamenti nei bisogni dei clienti.

– Quale dei seguenti rappresenta un vantaggio della struttura orizzontale?   Focalizza l’attenzione verso la creazione di valore per il cliente.

– Quale dei seguenti rappresenta un vantaggio della struttura orizzontale?   Ogni dipendente ha una visione più ampia degli obiettivi organizzativi.

– Quale dei seguenti rappresenta un vantaggio della struttura orizzontale?   Promuove il lavoro di gruppo e la collaborazione.

– Quale dei seguenti rappresenta un vantaggio della struttura orizzontale?   Migliora la qualità della vita dei dipendenti offrendo loro opportunità per una condivisione delle responsabilità, la presa di decisioni, e per farsi carico dei risultati.

– Quale delle seguenti affermazioni è corretta?   Tutte quelle riportate nelle altre risposte.

– Quale delle seguenti affermazioni è corretta?   Tutte quelle riportate nelle altre risposte.

– Quale delle seguenti affermazioni non è correttamente riferibile alla cultura organizzativa?   E’ definibile come l’insieme dei documenti scritti che descrivono comportamenti e attività dell’organizzazione.

– Quale delle seguenti affermazioni riguardanti lo stile direzionale non è corretta?   Lo stile direzionale esprime il modo in cui gli organi direttivi e dirigenziali si comportano tra loro.

– Quale delle seguenti non è una caratteristica tipica della struttura orizzontale?   Autorità accentrata e forte formalizzazione.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura a matrice?   Strategia di leadership di costo e di innovazione.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale per processo?   Strategie di diversificazione.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale per processo?   Grado di centralizzazione variabile.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Sistema informativo e di regole rigorosamente definiti.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Prezzi di trasferimento.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Ambiente dinamico.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Gruppi di prodotto separati.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Alto grado di coordinamento orizzontale e verticale.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura divisionale?   Grado di divisionalizzazione (autonomia delle divisioni) variabile.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Alto grado di coordinamento verticale.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Alta specializzazione.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Accentuata struttura gerarchica.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Alto grado di centralizzazione.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Sistema informativo e di regole rigorosamente definiti.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Ambiente stabile.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Unico gruppo di prodotto.

– Quale delle seguenti rappresenta una caratteristica propria o comunque un tratto tipico della struttura funzionale?   Leadership di costo.

– Quale delle seguenti rappresenta una dimensione contestuale/contingente della progettazione organizzativa?   Cultura.

– Quale delle seguenti rappresenta una dimensione contestuale/contingente della progettazione organizzativa?   Ambiente.

– Quale delle seguenti rappresenta una dimensione contestuale/contingente della progettazione organizzativa?   Obiettivi e strategia.

– Quale delle seguenti rappresenta una dimensione contestuale/contingente della progettazione organizzativa?   Dimensione.

– Quale delle seguenti rappresenta una dimensione contestuale/contingente della progettazione organizzativa?   Tecnologia.

– Quale delle strategie competitive di Porter è caratterizzata dal fatto che l’organizzazione competa attraverso costi inferiori all’interno di un ambito ampio?   Leadership di costo.

– Quale delle strategie competitive di Porter è caratterizzata dal fatto che l’organizzazione competa attraverso costi inferiori all’interno di un ambito ristretto?   Leadership di costo focalizzata.

– Quale delle strategie competitive di Porter è caratterizzata dal fatto che l’organizzazione competa attraverso l’unicità del prodotto o servizio all’interno di un ambito ampio?   Differenziazione.

– Quale delle strategie competitive di Porter è caratterizzata dal fatto che l’organizzazione competa attraverso l’unicità del prodotto o servizio all’interno di un ambito ristretto?   Differenziazione focalizzata.

– Quale denominazione assume il tipo di organizzazione d’impresa in cui i diritti di decisione, controllo e ricompensa residuali sono allocati in modo “unitario” ad una unità centrale, anziché distribuiti alle varie unità in cui si articola l’impresa?   Forma unitaria.

– Quale denominazione assume la classe di forme organizzative caratterizzate da meccanismi di coordinamento “deboli” (anziché forti), dove per “deboli” si intende i meccanismi prevalentemente basati su decisioni unilaterali e comunicazione laterale, nel quadro di regole del gioco generali?   Loosely coupled.

– Quale denominazione assume la classe di forme organizzative in cui il coordinamento è assicurato principalmente da regole e procedure, programmi e gerarchia che si possono trovare a diversi livelli di organizzazione: del lavoro, dell’impresa, delle relazioni tra imprese?   Forme burocratiche o meccanicistiche.

– Quale è una delle qualità fondamentali del modello burocratico di organizzazione di Max Weber?   L’oggettività, neutralità, trasparenza: criteri che escludono concessioni all’arbitrarietà dei singoli, ma prevedono che le azioni si ispirino a regole generali (oggettività e conformità) e stabiliscono che il funzionario non si può schierare con le parti in gioco, ma deve trattare tutti secondo le stesse regole (neutralità) e che tutti devono poter conoscere le regole che ispirano la burocrazia (trasparenza).

– Quale metodo di formazione viene applicato quando, fatta una esposizione scritta di una situazione aziendale, viene richiesta ai partecipanti un’analisi del problema concreto e la proposta delle soluzioni possibili?   Il metodo dei casi.

– Quale tipo di organizzazione dell’impresa identifica una “forma a matrice”?   Organizzazione a due dimensioni in cui le unità organizzative ad uno stesso livello gerarchico sono specializzate secondo due criteri diversi.

– Quale tipo di organizzazione dell’impresa identifica una “forma divisionale”?   Tipo di organizzazione di impresa dove le unità principali in cui sono divise le attività e le risorse detengono alcuni diritti di proprietà (diritti di decisione di investimento, alienazione ed acquisto di beni, e diritti ad alcune ricompense residuali) e sono controllate in base a parametri di risultato economico residuale (ad esempio ritorno sull’investimento).

– Quando l’attività decisionale ristretta ai livelli superiori della gerarchia, l’organizzazione si dice…..   Centralizzata.

– Quando le decisioni vengano delegati a livelli organizzativi più bassi, l’organizzazione si dice…..   Decentralizzata.

– Quando occorre confrontarsi con livelli di incertezza che comportano la necessità di elaborare una grande massa di informazioni, e si devono fronteggiare vincoli molto stretti in tema di risorse finanziarie e/o umane, l’organizzazione del lavoro più funzionale è….   La struttura a matrice.

Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Reset Password