quale portiere ha fatto gol


Rogério Mücke Ceni (Pato Branco, 22 gennaio 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore brasiliano con cittadinanza italiana, di ruolo portiere.

Detiene il record di gol realizzati da un portiere professionista in gare ufficiali con 129 reti,[4] e rientra nella ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera, piazzandosi al secondo posto con 1227 incontri disputati.[4]

Da giocatore ha vestito esclusivamente la maglia del San Paolo, squadra della quale detiene il record di presenze[5] nonché la decima posizione nella classifica storica dei cannonieri.[6] Con la squadra brasiliana ha vinto, tra il resto, tre volte il Campionato Paulista, tre volte (consecutive) il Campionato Brasiliano, due volte la Coppa Libertadores e una volta la Coppa Sudamericana, nonché una Coppa Intercontinentale e un Mondiale per Club FIFA.

Convocato dal 1997 al 2006 per la nazionale brasiliana, ha vinto la Confederations Cup nel 1997 e si è laureato campione del mondo nel 2002 (senza tuttavia scendere mai in campo in quest’occasione).

Nacque nello Stato del Paraná, a Pato Branco, da Eurydes e Hertha, crescendo con i tre fratelli Rosicler, Ronaldo e Rudimar.[7] A otto anni ebbe la possibilità di partecipare, per la prima volta, alla scuola calcio, entrando nella società calcistica locale. Nel 1984 si trasferì con la famiglia a Curitiba, e l’anno successivo a Sinop.[7] In questa cittadina, situata all’interno dello Stato del Mato Grosso, giocò per un certo periodo a pallavolo, sport in cui ottenne discreti risultati, arrivando a disputare i Giochi studenteschi a Brasília nel 1989.[7] Nello stesso anno fece anche dei provini per il Sinop Futebol Clube, che in seguito lo incluse nella propria rosa come portiere di riserva.[7] Parallelamente alla propria attività sportiva, Ceni lavorava al Banco do Brasil e frequentava la scuola.[7]

Nonostante fosse un portiere, in carriera si è distinto per la sua vena realizzativa dimostrandosi un ottimo battitore di rigori e punizioni.[8][9]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nelle file del Sinop, nel 1990 fu promosso in prima squadra in qualità di terzo portiere dietro a Marília e Valdir Braga.[7] Nilo Neves, il tecnico del club, in seguito all’infortunio di questi ultimi nel corso della prima giornata del torneo statale, decise di affidarsi a Rogério Ceni per il resto della stagione; il portiere di Pato Branco giocò da titolare per la prima volta all’Estádio Luís Geraldo da Silva, contro il Cáceres, parando un rigore.[7] Al termine del campionato, date le buone prestazioni di Ceni e la concomitante interruzione dell’attività del Sinop, un dirigente della società raccomandò al portiere di fare un provino per il San Paolo.[7] Appoggiato dal preparatore dei portieri del San Paolo, Gilberto Geraldo de Moraes, già estremo difensore del club negli anni 1960, Ceni fece il suo ingresso nella rosa del San Paolo nel settembre 1990.[7] Inizialmente, il giocatore dello Stato del Paraná fu riserva di Gilmar e Zetti, e fino al 1996 giocò sporadicamente, disputando soprattutto incontri nel Campionato Paulista.

Nel 1997 iniziò a essere impiegato con maggior continuità, e gli venne assegnato il ruolo di estremo difensore titolare nel Campeonato Brasileiro Série A 1997. Con la società di San Paolo in 20 anni ha disputato oltre 1000 partite. Il 20 agosto 2006, nel corso dell’incontro di campionato contro il Cruzeiro, ha realizzato una doppietta (un gol su punizione e uno su rigore) che gli ha permesso di superare i 62 gol di José Luis Chilavert nella classifica dei portieri goleador, divenendo l’estremo difensore ad aver segnato più reti nella storia del calcio professionistico; i gol sono 129.[10] Nella sua 618ª partita con la squadra indossò proprio il numero di maglia 618.[11]

Con 1191 partite disputate con la maglia del San Paolo detiene il record di presenze nella propria squadra.[12] È inoltre il calciatore al mondo ad aver realizzato più presenze in un singolo club, avendo superato Noel Bailie fermatosi a quota 1013 con il Linfield.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rogério Ceni conta 16 presenze nella nazionale brasiliana (più una considerata non ufficiale e quindi non conteggiata dalla FIFA), con cui ha esordito nel 1997, senza mai segnare un gol. Ha partecipato al Mondiale del 2002 come terzo portiere, senza mai scendere in campo, e quello del 2006 come secondo portiere, scendendo in campo in una sola occasione, subentrando al titolare Dida nei minuti finali della sfida con il Giappone, dopo il quarto gol brasiliano, quello del definitivo 4-1.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 novembre 2016 viene nominato tecnico della sua ex squadra, il San Paolo, per la stagione seguente e con la quale firma un contratto fino alla fine del 2018.[13] Nel Campionato Paulista viene eliminato in semifinale dal Corinthians, nella Coppa del Brasile viene eliminato al quarto turno dal Cruzeiro, nella Coppa Sudamericana esce al primo turno per mano degli argentini del Defensa y Justicia con la regola dei gol fuori casa. Il 3 luglio 2017, dopo appena 11 partite in campionato e all’indomani della sconfitta per 2-0 contro il Flamengo, viene esonerato.[14] Chiude la sua prima esperienza da allenatore con un totale di 34 partite (14 vittorie, 10 pareggi e 10 sconfitte).

Il 15 novembre 2017 viene nominato tecnico del Fortaleza, decidendo di partire dalla seconda divisione Brasiliana, vincendo il Campeonato Brasileiro Série B 2018.[15] Dopo una breve esperienza al Cruzeiro fa ritorno al Fortaleza con cui vince per due volte il Campionato Cearense e la Copa do Nordeste.

Il 10 novembre 2020 subentra sulla panchina del Flamengo dopo l’esonero del tecnico spagnolo Domènec Torrent, firmando un contratto valido fino a fine dicembre 2021. Vincerà subito il campionato con un solo punto di distacco sull’Internacional, la Supercoppa del Brasile 2021 contro il Palmeiras e il Campionato Carioca.[16] Il 10 luglio 2021 dopo le sconfitte con Fluminense e Atlético Mineiro, rassegna le proprie dimissioni con la squadra dodicesima in campionato.[17]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al termine della carriera da giocatore.[10][18][19]

Cronologia presenze e reti in nazionale[20][modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale (partite non ufficiali) ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-4-1999 Barcellona Barcellona 600px Blue HEX-00529F Gold HEX-FFDF1A White Purple HEX-A2214B Red HEX-E1393D.svg 2 – 2 Brasile Brasile Amichevole -2
Totale Presenze 1 Reti -2

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Fortaleza: 2019, 2020
Fortaleza: 2019
Flamengo: 2021

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Fortaleza: 2018
Flamengo: 2020
Flamengo: 2021
  1. ^ 20 (-?) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Mato-Grossense.
  2. ^ 871 (-957; 103) se si comprendono anche le partite disputate nel Campionato Paulista.
  3. ^ 17 (-13) se si comprendono le amichevoli non ufficiali disputate con la Nazionale maggiore brasiliana.
  4. ^ a b Rogerio Ceni si ritira. Il portiere-goleador dice basta, su corrieredellosport.it. URL consultato il 10 luglio 2021.
  5. ^ (PT) Enciclopédia: Clube das centenas de jogos, su saopaulofc.net. URL consultato il 7 luglio 2021.
  6. ^ (PT) Enciclopédia: Maiores artilheiros do São Paulo, su saopaulofc.net. URL consultato il 7 luglio 2021.
  7. ^ a b c d e f g h i (PT) História, su rogerioceni.com.br. URL consultato il 30 marzo 2011 (archiviato dall’url originale il 14 settembre 2011).
  8. ^ Rogerio Ceni lascia: 1237 gare, 131 gol, una sola maglia, su gazzetta.it. URL consultato il 10 luglio 2021.
  9. ^ Il M1to di Rogerio Ceni, il portiere goleador entrato nel Guinness dei Primati, su goal.com. URL consultato il 10 luglio 2021.
  10. ^ a b (PT) Lista de Gols, su rogerioceni.com.br. URL consultato il 30 marzo 2011 (archiviato dall’url originale il 1º gennaio 2013).
  11. ^ Da 44 Gatti ai 7 Nani, le maglie più stravaganti del calcio gqitalia.it
  12. ^ Mauricio Cannone, Ceni, un portiere nella storia, in La Gazzetta dello Sport, 28 marzo 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  13. ^ (PT) Rogério Ceni é o novo técnico do São Paulo, su saopaulofc.net, 24 novembre 2016.
  14. ^ Comunicado saopaulofc.net
  15. ^ Ufficiale: Fortaleza, Rogerio Ceni nuovo allenatore, su tuttomercatoweb.com.
  16. ^ (PT) Flamengo anuncia demissão do técnico Rogério Ceni, su espn.com.br, 10 luglio 2021. URL consultato il 10 luglio 2021.
  17. ^ (PT) O Clube de Regatas do Flamengo informa que não continuará com Rogério Ceni à frente do time principal. O Clube agradece pelos serviços prestados e deseja sucesso nos próximos desafios., su twitter.com. URL consultato il 10 luglio 2021.
  18. ^ (PT) Todos os Números: Rogério Ceni (Rogério Ceni), su futpedia.globo.com, Futpédia. URL consultato il 30 marzo 2011 (archiviato dall’url originale il 13 febbraio 2009).
  19. ^ (EN) Yearwise record of ALL Matches of São Paulo, su rsssfbrasil.com, RSSSF Brasil. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  20. ^ Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1996-1997; Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1998-1999; Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 2000-2001 Archiviato il 3 febbraio 2010 in Internet Archive.; Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 2002-2003 Archiviato il 15 luglio 2011 in Internet Archive.; Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 2006-2007 Archiviato il 19 giugno 2017 in Internet Archive.
  • (PT) Sito ufficiale, su rogerioceni.com.br. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rogério Ceni, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. Modifica su Wikidata
  • (ENDEFRESAR) Rogério Ceni, su FIFA.com, FIFA. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rogério Ceni, su national-football-teams.com, National Football Teams. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Rogério Ceni (calciatore), su Transfermarkt, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • (DEENIT) Rogério Ceni (allenatore), su Transfermarkt, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata
  • Rogério Ceni, su it.soccerway.com, Perform Group. Modifica su Wikidata
  • Rogério Ceni, su calcio.com, HEIM:SPIEL Medien GmbH. Modifica su Wikidata
  • (FR) Rogério Ceni, su lequipe.fr, L’Équipe 24/24. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rogério Ceni, su Olympedia. Modifica su Wikidata
  • (ES) Rogério Ceni, su AS.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Rogério Ceni, su Espnfc.com, ESPN Internet Ventures.
  • (EN) Profilo su Sambafoot.com, su en.sambafoot.com. URL consultato il 25 settembre 2009 (archiviato dall’url originale il 28 giugno 2009).
  • (PT) Rogério Ceni, su Futpedia.globo.com, Globo Comunicação e Participações SA (archiviato dall’url originale il 2008-2011).
  • (PT) Statistiche sui gol segnati rogerioceni.com.br archivio
  • (PT) Profilo sul sito del San Paolo, su saopaulofc.net.




Clicca per leggere la risposta completa

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general