quale verdura dare ai conigli

[ad_1]

In Italia si contano, ormai, più di 2 milioni di conigli da compagnia.
Il primo consiglio che qualunque veterinario esperto in Medicina degli Animali Non Convenzionali offre al neo-proprietario di un coniglio nano è quello di alimentarlo correttamente, oltre a vaccinarlo regolarmente.
Oggi ti proponiamo una guida definitiva all’alimentazione del coniglio

La giusta alimentazione del coniglio nano.

Cenni anatomo-funzionali

Il coniglio è un lagomorfo erbivoro e proprio dalla dieta dipende la sua salute.

In natura, il coniglio si nutre esclusivamente di erbe di campo che nella stagione più favorevole sono presenti in grande quantità, e quando queste scarseggiano si rivolge anche ad arbusti, cortecce e radici.

Questo significa che consuma materie prime molto povere in energia, proteine, grassi e carboidrati ed estremamente ricche in fibra.
Trascorre molto tempo nella ricerca del cibo più succulento che richiede comunque una masticazione piuttosto lunga, utile anche per il corretto consumo dei denti, che sono a crescita continua.

Possiede una particolare struttura anatomica a livello dell’apparato digerente che gli consente di sfruttare al meglio le sostanze nutritive contenute nell’alimento.

Il cieco e la ciecotrofia del coniglio

Come tutti gli organismi superiori, anche il coniglio possiede un apparato digerente formato da bocca, esofago, stomaco, intestino tenue, intestino crasso, retto ed ano.
Come molti mammiferi erbivori monogastrici, possiede un grande cieco, una porzione dell’intestino posto tra l’ileo e il colon.

Il cieco è un diverticolo, ovvero un grosso sacco, all’interno del quale sono presenti milioni di microorganismi in grado di demolire e trasformare la fibra contenuta nell’alimento.
Da questo processo, chiamato ciecotrofia, si ottiene energia, proteine, aminoacidi e vitamine indispensabili per la sopravvivenza dell’animale.

Il coniglio produce due tipi di feci ben distinte.

Quando ingerisce il suo cibo, questo subisce una lunga masticazione, raggiunge lo stomaco e successivamente l’intestino tenue dove viene sottoposto all’azione di alcuni enzimi e da li passa nel cieco.

All’interno del cieco avviene una separazione tra la fibra indigeribile ed altri elementi di scarto che vengono espulsi sotto forma di palline di forma sferica, dalla consistenza piuttosto dura e dall’aspetto asciutto e alcuni nutrienti che devono essere assolutamente recuperati.

Questi ultimi vengono eliminati sotto forma di ciecotrofo, materiale fecale di forma allungata, bozzellata, lucida e ricoperta di muco.

Il coniglio preleva direttamente dall’ano il ciecotrofo, lo ingerisce e il suo apparato digerente lo sottopone a seconda digestione.
Attraverso il ciecotrofo, l’animale recupera tantissime sostanze nutritive indispensabili, la maggior parte delle quali elaborate all’interno del cieco dai microrganismi li presenti.

L’alimentazione sana del coniglio nano

L’alimentazione corretta deve consentire, oltre che il sostentamento, anche una corretta funzionalità dell’apparato digerente e il consumo costante dei denti.
Trattandosi di un erbivoro stretto, l’alimentazione di base del coniglio deve essere costituita da:

  • erba
  • fieno
  • verdure
  • alimenti molto ricchi in fibre.

Esiste poi una vasta gamma di piccole integrazioni con le quali possiamo completare la sua dieta e tutta una serie di alimenti che invece non dobbiamo assolutamente somministrare.

Vediamo insieme quali sono le cose buone e necessarie, quelle facoltative e quelle assolutamente vietate.

Cosa può mangiare un coniglio per stare in salute (coniglio nano, ariete, testa di leone o altri)

Quali erbe posso dare ai conigli?

L’erba fresca è sicuramente l’alimento principe, quello che il coniglio consumerebbe se vivesse allo stato selvatico.
Avendo a disposizione una fonte di erbe di campo, ad esempio un giardino o un appezzamento di terra in campagna, questa sarebbe certamente la dieta migliore possibile.
Una buona razione è certamente composta da erbe miste, in quanto la varietà è sempre la cosa migliore.
Tra le numerosissime varietà erbacee che un coniglio può consumare senza problemi troviamo le seguenti:



Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general