quale zucchero usare per il colesterolo

[ad_1]

Qual è la differenza tra zucchero naturale e zucchero aggiunto? La loro assunzione ha effetti differenti sul nostro organismo?

Quando parliamo di zucchero naturale ci riferiamo a quello contenuto all’interno della frutta. A differenza di un prodotto in cui lo zucchero è stato aggiunto, il frutto contiene fibre, vitamine, minerali e numerosi altri componenti bioattivi. Le fibre rallentano la velocità alla quale lo zucchero viene digerito e assorbito. Inoltre, le fibre limitano la nostra capacità di consumare alimenti che contengono zucchero: è difficile che molte persone mangino due mele alla volta. E’ invece possibile bere 2 lattine di coca cola che contengono 35 grammi di zuccheri aggiunti (circa l’equivalente di due mele) e nessuna fibra. Quindi un apporto calorico inutile con l’aggravante che con una lattina ingeriamo un quantitativo di zuccheri equivalente ad un piattino di pasta, ma senza ricavarne alcun senso di sazietà. Inoltre, lo zucchero maggiormente presente nei prodotti industriali è lo sciroppo di mais, ad alto contenuto di fruttosio, il quale finisce direttamente nel fegato che lo trasforma in goccioline di grasso chiamate “trigliceridi”. Quando la gente beve una bevanda zuccherata c’è un rapido picco della quantità di trigliceridi che circolano nel sangue. Questo porta a una riduzione del colesterolo HDL, il cosiddetto tipo “buono” e ad un aumento di quello “cattivo” con maggior rischio di incorrere nelle patologie cardiovascolari”.

Come possiamo dolcificare i nostri cibi? Quali alternative allo zucchero bianco consiglia?

“Oltre allo zucchero di canna integrale che seppur non raffinato è sempre un prodotto della lavorazione industriale, uno dei dolcificanti migliori che io consiglio è la melassa di barbabietola. Questa rappresenta il prodotto di scarto della lavorazione dello zucchero, ricca di sali minerali e vitamine. Si presenta come un liquido denso e scuro, all’incirca della consistenza e del colore di un miele di castagno ma dal spore meno dolce. Ha un sapore molto aromatico che si presta bene alla preparazione di alcuni dolci oppure per insaporire yogurt e ricotte, ma è buonissima anche se spalmata sul pane per la prima colazione o per una merenda energetica prima dell’attività sportiva. Un altro dolcificante è rappresentato dai malti (malto di riso, malto d’orzo). I malti sono un dolcificante naturale, derivati dalla fermentazione dei cereali e contengono maltosio, uno zucchero semplice e anche molti minerali. Possono essere utilizzati come sostituto dello zucchero di canna integrale per la preparazione di dolci: il suo uso, però, deve essere sempre moderato. Consiglio inoltre di utilizzare la frutta secca: datteri, uvetta e albicocche secche frullate fino ad ottenere un composto omogeneo, possono rappresentare un’alternativa naturale per dolcificare torte preparate in casa consentendoci di mangiarne una fetta in più”.

Da qualche tempo nei supermercati è comparsa la Stevia? Di cosa si tratta? E’ una valida alternativa allo zucchero?

La Stevia è una pianta la cui fame è legata al suo potere dolcificante che è 200 volte superiore a quello del comune zucchero utilizzato. Viene utilizzata nelle diete dimagranti in quanto il suo potere calorico è pari a zero, ed inoltre contiene vitamine e sali minerali come ferro, manganese e magnesio. La sua aggiunta negli alimenti ne modifica leggermente il sapore a causa di alcuni principi attivi, gli stessi che sono stati accusati di rendere il prodotto cancerogeno. In ogni modo consiglio di variare il più possibile l’utilizzo degli zuccheri nella nostra alimentazione, eliminando del tutto quello bianco e riducendo il loro apporto”.

Clicca per leggere la risposta completa

[ad_2]

Extenzilla.it
Logo
Enable registration in settings - general